L’Orto: coltivare ortaggi pronti da mangiare biologici

L’orto è un appezzamento di terreno più o meno grande dove si possono coltivare innumerevoli piante dedicate all’alimentazione. Con le ultime novità del mercato, è possibile coltivare un orto sul balcone, o realizzare un orto in casa , sempre realizzando rigorosamente un orto biologico.

 

I frutti dell’orto, indicati generalmente come ortaggi, sono alla base della nostra cucina.

L’orto è dedicato alla coltivazione di piante per la produzione esclusiva di alimenti, gli ortaggi. Il suo sviluppo è antichissimo, fin dalle scoperte dell’uomo in materia di agricoltura. Da quando l’uomo scopri la semina e la coltivazione iniziò a praticare l’arte dell’orto per avere sempre gli alimenti in casa senza doverli andare a cercare. Dall’antichità fino alla seconda guerra mondiale la coltura dell’orto era praticata dalla maggior parte delle persone. Ancora ai primi del novecento ad esempio quasi l’80 per cento degli italiani era contadina. Con la rivoluzione industriale si rivoluzionò anche il tessuto sociale dei paesi occidentali, e l’orto fu quasi abbandonato a favore dell’industria agroalimentare che provvede ora a quelle necessità alimentari prima prodotte in proprio. Negli ultimi dieci anni però c’è stato un ritorno alla natura da parte della società e la pratica dell’orto non riguarda più soltanto la classe sociale dei contadini. Sono infatti molte le persone che dedicano parte della loro giornata alla coltivazione in proprio degli ortaggi, per avere prodotti biologici e sicuri che l’industria non riesce più a fornire. Coltivare un piccolo orto che riesca a sopperire alle esigenze familiari, almeno in parte, oggi è divenuto possibile non solo nelle campagne, ma anche nelle città, grazie ad una nuova mentalità e a delle progettazioni che iniziano a coinvolgere anche le autorità cittadine.

Gli ortaggi sono relativamente semplici da coltivare, e non hanno generalmente grosse necessità. Non solo in campagna, ma anche in terrazzi appositamente attrezzati, si possono coltivare comodamente patate, zucchine, sedani, fagioli, carote e molte altre piante in grado di fornire nutrienti preziosi, utilizzatissime nella cucina mediterranea. Alcuni di questi ortaggi sono di origine mediterranea e sfruttati fin dai tempi più remoti, mentre altri, come la patata e i pomodori, hanno dovuto attendere la scoperta delle Americhe prima di poter fare la loro comparsa in Europa e divenire la base della cucina italiana.

 

Consigli per coltivare un orto

Quando si vuole coltivare un orto bisogna per prima cosa scegliere lo spazio dove far sorgere il nostro angolo verde, il quale deve essere ben soleggiato ma allo stesso tempo perfettamente riparato dalle intemperie e dai venti. Il periodo migliore per coltivare un orto inizia in primavera e prosegue fino alle prime gelate autunnale, ma naturalmente è possibile coltivare ortaggi praticamente durante tutto l’arco dell’anno. E’ molto importante scegliere le piantine più adatte a seconda della stagione così da essere sicuri di non seminare ortaggi fuori stagione. A partire da marzo fino al termine di aprile si possono coltivare la bieta, il cavolo, la cipolla, la rucola e molti altri ortaggi, mentre nei mesi successivi e fino a settembre è possibile raccogliere e seminare altri ortaggi grazie alle temperature abbastanza gradevoli.

 

Preparazione del terreno

La preparazione del terreno è una fase importante, pone le basi ad una corretta coltivazione, di seguito indichiamo alcuni attrezzi orto il terreno generalmente viene zappato con una zappa ortoNelle fasi piu’ meccanizzate il terreno si prepara attraverso una Motozappa o meglio attraverso un motocoltivatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *